HVE - Raccolta domande frequenti


HVE software by EDC Corporation: contact info@lista.it

Contatto Editoriale:
Lista Studio srl®
Borgo Belvigo 33, 36016 Thiene Vi ITALY
http://www.lista.it
tel/fax 0445,382056 -
info@lista.it


Se avete quesiti che non trovano risposta in questa pagina scrivete a info@lista.it

FAQ - Frequently Asked Questions

Questa pagina riporta le più frequenti richieste di chiarimenti presentate dagli utenti di HVE e HVE-2D.
Queste risposte sono tratte dalla sezione FAQ Sections della EDC Technical Newsletters quadrimestrale, disponibile nella libreria di EDC.
La rivista tecnica di EDC fornisce suggerimenti su come usare HVE e HVE-2D nella maniera più efficiente oltre a note di documentazione tecnica di base.

Scorrete le domande fino a trovare l'argomento di Vostro interesse e poi cliccate alla fine della domanda per saltare direttamente alla risposta.

HVE software by EDC Corporation: contact info@lista.it

DOMANDE (divise per categoria):

Problemi con l'ultima versione

  • Ho installato la versione 7.00, e quando apro un caso risolto con una versione precedente di HVE o HVE-2D e vado a consultare la finestra di Accident History nel Playback, le unità di misura indicate in testa ad ogni colonna ed i valori misurati nelle colonne stesse non sono più quelli corretti. Cosa è successo e come correggere il problema ? - Risposta

  • Ho installato l'aggiornamento alla versione 7.00 e quando lancio il programma ottengo un messaggio di errore: "Application is Node Locked". Eppure la mia precedente versione 6.20 dello stesso software funzionava correttamente. Cosa è successo e come risolvere il problema ? - Risposta

  • C'è qualche controindicazione ad installare HVE (o HVE-2D) in un computer con sistema operativo Windows Vista ? - Risposta

  • Riesco a visualizzare i veicoli che ho costruito anche con la loro specifica carrozzeria da me modellata in ambiente Vehicle Editor, ma quando vado in ambiente Event Editor la mia carrozzeria è sostituita da una sagoma generica. Come posso sistemare le cose ? - Risposta

  • Talvolta l'icona a croce X-Y (dragger), usata per posizionare un veicolo in ambiente Event Editor, sembra scomparire. Se si muove la camera all'interno del veicolo, si scopre che l'icona a croce X-Y è presente sul Centro di Gravità CG del veicolo, ma è molto piccola. Cosa si può fare per evitare questo inconveniente ? - Risposta

    Problemi di installazione

  • E' disponibile una versione demo ? - Risposta

  • Come si installa HVE o HVE-2D nel computer ? - Risposta

    Problemi hardware

  • Quali sono le specifiche hardware consigliate ? - Risposta

  • Si verificano comportamenti strani come blocchi improvvisi, finestre con parti del dialogo mancanti o non completamente stampate, o ancora parti dello scenario non visualizzate correttamente in qualche ambiente. Come eliminare questi problemi ? - Risposta

    Interfaccia utente

  • Sono riuscito a fare un filmato di sinistro in tempo reale usando la finestra di Playback, ma come posso fare un filmato al rallentatore ? - Risposta

  • Come posso ottenere che il mio disegno DXF sia importato completamente in HVE-2D ? - Risposta

  • Come posso cambiare il colore di sfondo del mio disegno DXF dal blu ad un altro colore che renda meglio lo scenario stradale ? - Risposta

  • Quando avvio HVE o HVE-2D, appare un messaggio che indica che il file di licenza non è disponibile e viene attivata quindi la modalità Demo. Eppure sono sicuro di avere il file di licenza al posto giusto. Perchè si ottiene questo messaggio ? - Risposta

  • Se edito le dimensioni esterne di un veicolo dal database EDVDB non vedo che in proporzione si adatta automaticamente anche la posizione delle sfere rosse di riferimento per l'ingombro massimo del veicolo. Perchè ? - Risposta

  • Uso una licenza di HVE (oppure di HVE-2D) con sistema operativo Windows XP e licenza su chiave EDKEY trasportabile su diversi computers (LPT o USB). Ho aggiornato il sistema operativo a Windows Vista sullo stesso computer e ora se lancio HVE (oppure HVE-2D) mi appare un messaggio di errore relativo alla mia licenza che mi qualifica solo in modalità Demo. Eppure tutto funzionava regolarmente prima di passare a Vista. Cosa è successo ? - Risposta

  • Ho realizzato con HVE un filmato di 16 secondi. Ho salvato il filmato in un CD (o in un DVD) per essere visionato da terzi. Purtroppo quando si lancia il filmato direttamente dal disco ottico i movimenti delle auto appaiono procedere a scatti e per giunta il fimato non è più in tempo reale. Cosa è accaduto ? - Risposta

  • Posso produrre un filmato QuickTime direttamente dalla finestra di Playback ? - Risposta

  • Ho prodotto una simulazione che dura 16 secondi, ma desidero realizzare il filmato solo per una frazione di questa simulazione, per esempio nell'intervallo compreso fra t = 5,0 secondi e t = 13,6 secondi. Se muovo il cursore per selezionare come istante di partenza t = 5 secondi, mettendo ovviamente AVI come Destination e premendo il pulsante Play per produrre il filmato, purtroppo la registrazione del filmato parte comunque dall'istante t = 0 secondi al posto di t = 5 secondi. Debbo per forza usare un programma di editing dei filmati esterno ad HVE per tagliare le parti che non mi servono del filmato o posso risolvere il problema già in HVE ? - Risposta

  • Ho realizzato con HVE un filmato e desidero visualizzarlo a pieno schermo. Ma se chiamo la visualizzazione del filmato a pieno schermo ottengo un risultato molto grossolano e per niente fluido. Se controllo le proprietà del filmato vedo che è stato prodotto con la risoluzione di 640 x 480 mentre il mio schermo è settato a 1280 x 1024. Come posso produrre in HVE filmati a risoluzione così elevata ? - Risposta

    Solutori fisici

  • Debbo realizzare una simulazione di un sinistro con un veicolo industriale ad asse posteriore sterzante. Come posso cambiare le caratteristiche del veicolo per inserire l'asse posteriore sterzante ? - Risposta

  • Come posso far iniziare una simulazione con un veicolo in retromarcia ? - Risposta

  • Debbo accelerare un veicolo in retromarcia in EDSMAC (o in EDSMAC4, EDSVS oppure in EDVTS). Riesco a partire con il veicolo ad una certa velocità in retromarcia, ma quando intervengo con input all'acceleratore il veicolo cambia direzione ed acquista velocità nella normale direzione di marcia, non all'indietro come desiderato. Cosa debbo fare ? - Risposta

  • Ho realizzato una simulazione con vari veicoli coinvolti in tamponamenti a catena. Ora voglio aggiungere un'altro veicolo alla simulazione in ambiente EDSMAC4. È possibile ? - Risposta

  • Le versioni meno recenti della documentazione tecnica di HVE evidenziavano come usando EDSMAC bisognasse iniziare sempre con il veicolo più piccolo. Questa raccomandazione è ancora valida per le più recenti versioni di EDSMAC e di EDSMAC4? - Risposta

  • Sto usando HVE (oppure HVE-2D) versione 5.20 (o precedente) per creare una simulazione di sinistro che vede coinvolto un veicolo che traina un rimorchio. Mi appare un messaggio di errore che riferisce come le altezze dei due veicoli non siano compatibili e quindi il rimorchio ed il veicolo che lo traina non possono essere agganciati. Come ne vengo a capo ? - Risposta

  • Quando uso il comando Path Follower, il mio veicolo non insegue la traiettoria desiderata. Perchè? - Risposta

  • Relativamente all'uso di EDCRASH, qual è la differenza tra il valore Delta-V mostrato nella finestra Event Editor Damage Profiles ed il valore mostrato nel report di Accident History ? - Risposta

  • Come mai quando tento di simulare un ribaltamento di un veicolo in EDVSM, la carrozzeria del veicolo compenetra nelle superfici che definiscono l'ambiente della simulazione come se questo non esistesse ? - Risposta

  • Perchè ottengo un messaggio di errore con la richiesta di assegnare i PDOFs in EDCRASH, quando li ho già assegnati nella finestra di Damage Profiles ? - Risposta

  • Come si imputa la posizione di un veicolo immobile in una simulazione con EDSMAC o EDSMAC4 senza avere il messaggio di errore "Event Termination: No Vehicle Velocities Assigned," quando si lancia la soluzione ? - Risposta


    RISPOSTE

    C'è qualche controindicazione ad installare HVE (o HVE-2D) in un computer con sistema operativo Windows Vista?

    A meno che non siate l'unico utente e amministratore del computer con sistema operativo Vista, vi raccomandiamo caldamente di installare HVE o HVE-2D in una cartella diversa da quella che ha nome Programmi, tipicamente usata nelle postazioni Windows XP. Infatti, una delle caratteristiche di sicurezza di Vista rende difficile risalire poi alla cartella delle simulazioni e dei filmati creata durante l'installazione. Spieghiamo cosa succede.

    Vista protegge la cartella Programmi contro la scrittura o creazione di files. L'utente di una applicazione che necessita di scrivere all'interno della cartella Programmi deve avere diritti di amministratore per consentire al programma piena funzionalità. Altrimenti, Vista consente all'utente senza diritti di amministratore di lanciare l'applicazione grazie ad una funzionalità di virtualizzazione di file e registro. Tale funzionalità reindirizza le richieste di scrittura e successiva lettura ad un "archivio virtuale" allocato nel profilo utente. In altre parole questa funzionalità inganna l'applicazione facendogli credere di operare sotto la direzione di un utente con diritti di amministratore semplicemente dirottando letture e scritture, altrimenti impossibili, in altre e diverse cartelle.

    Per esempio, in HVE la cartella delle simulazioni è di prassi C:\Programmi\HVE\supportFiles\case. Se l'utente non ha diritti di amministratore, allora HVE non può scrivere in questa cartella, e allora le operazioni di scrittura saranno dirottate in C:\Utenti\username\AppData\Local\VirtualStore\ProgramFiles\HVE\supportFiles\case, dove al posto di username compare ovviamente l'identificazione dell'utente. Tuttavia in HVE i browsers sembreranno ancora puntare al percorso originario C:\Programmi\HVE\supportFiles\case, mentre di fatto un programma esterno ad HVE, cioè qualsiasi altro browser, non riuscirà a vedere alcuno di questi files in quest'ultima locazione.

    Gli utenti possono cercare i nuovi files nella directory dell'archivio virtuale, ma questo di default è nascosto perchè invisibile. Per metterlo in visibilità bisogna cliccare in Pannello di Controllo, Opzioni Cartella, Visualizzazione, e spuntare in Visualizza cartelle e file nascosti.

    Torna alle Domande

    Riesco a visualizzare i veicoli che ho costruito anche con la loro specifica carrozzeria da me modellata in ambiente Vehicle Editor, ma quando vado in ambiente Event Editor la mia carrozzeria è sostituita da una sagoma generica. Come posso sistemare le cose ?

    Ci sono due possibili spiegazioni per questo problema.
    Primo, accertatevi che il file della geometria del veicolo sia effettivamente presente nel percorso supportFiles/images/vehicles.
    Secondo, accertatevi che il nome del file della geometria del veicolo sia più corto di 26 caratteri senza contare l'estensione .h3d. Precedenti versioni di HVE antecedenti la 5.20 consentivano nomi di files di geometria di veicoli più lunghi di 26 caratteri (sempre senza contare l'estensione .h3d) e pertanto è possibile che il problema si presenti recuperando files già prodotti precedentemente. Basta quindi semplicemente accorciare il nome del file.

    Torna alle Domande

    Talvolta l'icona a croce X-Y (dragger), usata per posizionare un veicolo in ambiente Event Editor, sembra scomparire. Se si muove la camera all'interno del veicolo, si scopre che l'icona a croce X-Y è presente sul Centro di Gravità CG del veicolo, ma è molto piccola. Cosa si può fare per evitare questo inconveniente ?

    Questo problema è generato da una combinazione di fattori quali alcuni tipi di schede video e l'uso di un file di geometria di un veicolo, oppure di scenario ambientale, o addirittura un'intera simulazione salvata in un altro computer della rete.
    La soluzione più semplice è ovviamente quella di salvare tali files in locale, cioè sul disco rigido della macchina ove è stato lanciato il software HVE o HVE-2D. Se per qualunque motivo ciò non fosse possibile, allora bisogna avviare HVE (o HVE-2D) e creare una semplice simulazione posizionando un veicolo già presente sulla postazione locale. Ad esempio, si inserisca un veicolo generico come un Generic Class 1 Passenger Car e si crei un evento molto semplice posizionando il veicolo alla posizione 0,0 e alla velocità di 30 km/h. Così facendo non si usa alcun files della rete ma si settano nel modo corretto tutte le proprietà grafiche. A questo punto si può correggere e continuare la simulazione usando i files in rete senza più i problemi che si manifesterebbero viceversa se li si aprisse direttamente.

    Torna alle Domande

    Quali sono le specifiche hardware consigliate ?

    Il supporto tecnico della nostra Casa Madre ha un database aggiornato delle configurazioni hardware su cui è stato installato e provato HVE. In via generale si possono indicare quindi alcune linee guida senza voler comunque entrare nel merito delle specifiche esigenze del singolo utente:

    Configurazione:

    • Intel Dual-Core o Core 2 Duo o analoghi processori
    • 1 GB RAM (minimo - preferibile aumentare)
    • scheda grafica 128 MB OpenGL (raccomandiamo NVIDIA)
    • monitor 17" or 21" per desktop (nel caso di notebook 15" o maggiore)
    • mouse a 3 pulsanti

    Sistema operativo:

  • Windows XP - Pur datato resta la piattaforma più sicura per l'utente che non abbia tempo e risorse disponibili per ottimizzare le prestazioni dei sistemi operativi più recenti.

  • Windows Vista - Ottime prestazioni specialmente se si ha la possibilità di pulire il sistema operativo da vari servizi e funzionalià aggiuntive installate di default da Vista ma inutili ai fini dei programmi di calcolo come HVE. Considerate comunque che il parere generale dell'utente medio che ha acquistato un nuovo computer con sistema operativo Vista è quello di aver dovuto imparare nuove sequenze e strategie per eseguire le medesime funzioni prima svolte con il sistema operativo XP, talvolta dovendo aggiornare altri programmi software non più compatibili con Vista e spesso dovendo anche risolvere inaspettati problemi grafici a seguito di una più lenta messa a punto dei drivers di scheda video per l'ambiente OpenGL, richiesto da HVE, rispetto all'ambiente DirectX, prima scelta per Vista. Ulteriori ragguagli cliccando qui.

    Primo esempio, classe economica: Dell Dimension E520 con processore Intel® Pentium® 4, 2 GB RAM, 256MB scheda video nVidia Geforce e Windows XP

    Secondo esempio, classe media: Dell 390 Workstation con processore Dual-Core Intel Core 2 Duo, 3 GB RAM, scheda video NVIDIA Quadro e Windows XP

    *Per qualsiasi chiarimento sulla compatibilità di HVE con computers e schede grafiche più recenti contattate direttamente la Lista Studio srl.

    Torna alle Domande

    Si verificano comportamenti strani come blocchi improvvisi, finestre con parti del dialogo mancanti o non completamente stampate, o ancora parti dello scenario non visualizzate correttamente in qualche ambiente. Come eliminare questi problemi ?

    Questi comportamenti bizzarri sono causati da una scheda grafica che non supporta pienamente le accelerazioni grafiche OpenGL.
    Seguendo l'evoluzione delle chiamate al supporto tecnico di EDC emerge chiaramente come alcune schede grafiche recenti, pur dichiarate compatibili OpenGL, siano viceversa sviluppate solo per il supporto ai videogiochi con tali accelerazioni grafiche.
    Purtroppo, tali schede vanno invece in crisi quando utilizzate con software ingegneristici che richiedono alti livelli di dettaglio e complessità grafica; tali livelli sono esemplificati nello scenario realizzato per la ricostruzione con HVE della celeberrima sequenza di inseguimento del film Bullitt.
    Se siete incappati in questo problema prima di averci chiamato per una verifica di piena compatibilità di HVE con la Vostra scheda grafica, potete ridurre o risolvere i problemi con le seguenti azioni:

    Soluzione temporanea:

    • Riducete l'accelerazione grafica nella finestra di risoluzione problemi della scheda grafica. Riducete la profondità colore da 32 a 16 bit.

    Soluzione definitiva

    • Chiamate il Vostro rivenditore hardware e verificate se è disponibile un aggiornamento al driver della scheda video o se potete fare l'upgrade ad un modello professionale di scheda video.

    Anche se il computer è nuovo di fabbrica non è escluso che sia già disponibile un aggiornamento per il driver della scheda video. Servono infatti parecchi mesi per aggiornare la configurazione di default masterizzata nel disco rigido e/o allegata al computer, e quindi non date affatto per scontato di disporre già del driver più recente. Può darsi che scaricando il driver aggiornato anche una scheda grafica economica riesca a gestire il software senza problemi.

    Torna alle Domande

    Sono riuscito a fare un filmato di sinistro in tempo reale usando la finestra di Playback, ma come posso fare un filmato al rallentatore ?

    Al momento, i filmati creati con HVE o HVE-2D vengono riprodotti solo in tempo reale. Se si modifica l'intervallo temporale output time interval nella finestra Playback Editor dal valore di default pari a 0.0333 (cioè 1/30 di secondo) a 0.0167 (cioè 1/60 di secondo), si registreranno il doppio di fotogrammi nella stessa unità di tempo. Il filmato si presenterà più dettagliato nella descrizione del movimento ma con durata identica. In altre parole, il visualizzatore dei filmati funziona sempre in tempo reale e riproduce a 30 fotogrammi al secondo i filmati prodotti con cadenza di 30 fotogrammi al secondo e così pure riproduce a 60 fotogrammi al secondo i filmati prodotti con cadenza di 60 fotogrammi al secondo.

    La soluzione consiste nell'utilizzare un programma di editing non lineare come Adobe Premier, Sony Vegas o Windows Movie Maker per modificare la Clip Speed Rate del filmato. Basta importare il filmato, modificare la Clip Speed Rate al 50% ed il filmato mostrerà la simulazione rallentata, perchè proietterà 30 fotogrammi al secondo al posto di 60 fotogrammi al secondo. È la strategia per passare le simulazioni filmate al rallentatore!

    Torna alle Domande

    Come posso ottenere che il mio disegno DXF sia importato completamente in HVE-2D ?

    Vi raccomandiamo di seguire queste raccomandazioni quando preparate una planimetria in AutoCAD (o altri programmi CAD) per importazione finale in HVE:

      1. Quando disegnate nel CAD esterno, preferite l'uso di POLILINEE con almeno tre punti di definizione. Infatti, le polilinee definite con almeno tre punti mantengono il colore originario quandoprocessate con il convertitore DXF di HVE (o HVE-2D). Le polilinee definite con solo due punti potrebbero perdere l'infomazione di colore e qualche volta non essere processate correttamente. Viceversa, le polilinee definite con almeno tre punti mantengono sempre le proprietà di colore, restano editabili come oggetti separati nell'editor 3-D di HVE e non danno alcun problema durante la conversione.

      Altri strumenti di disegno di provata affidabilità in AutoCAD per creare linee 2D sicuramente convertibili in ambiente HVE sono i comandi ARCO, RETTANGOLO e CERCHIO, mentre viceversa possono talvolta generare errori i comandi PERPENDICOLARE, BLOCCO e X-REF.

      2. Scegliete l'origine (0,0,0) nel vostro programma CAD in un punto che risulti poi conveniente come riferimento anche in HVE (o HVE-2D). Il nostro software infatti riconosce l'origine (0,0,0) del sistema di coordinate globali (WCS) di AutoCAD come l'origine anche per il disegno importato in HVE. Quindi, se l'origine nel disegno CAD non si trova in un punto utile come riferimento per la simulazione, conviene spostare l'origine quando si è ancora in ambiente CAD e sistemarla nel punto preferito per la successiva simulazione prima di effettuare l'importazione in HVE (o HVE-2D).

      3. Usate l'opzione di Export o Salva con Nome del vostro programma CAD per salvare il disegno in formato DXF secondo lo standard R12, R13, R14, o 2000. Preferite l'uso dell'ultima versione disponibile per quel CAD (ad esempio, se usate AutoCAD R14 vi consigliamo di salvare via DXF in formato R14. Solo se riscontrate problemi provate a salvare in formati via via più datati verificando l'esito dell'importazione in HVE (o HVE-2D).

    Vi suggeriamo di modificare il vostro disegno DXF usando due funzioni disponibili in ambiente Environment, chiamando il menù a tendina Options e cliccando ancora nel pulsante Options che appare in fondo alla finestra Environment Information. Ovviamente il pulsante Options si abilita solo se viene prima caricato uno scenario, e in tal caso mostra le due funzioni Flip About X-axis e Scale Factor:

      1. HVE (o HVE-2D) usa il sistema di coordinate SAE che prevede l'asse Z positivo diretto verso il basso. Viceversa, AutoCAD e molti altri programmi di disegno usano un sistema di coordinate con l'asse Z positivo diretto verso l'alto. Pertanto, importando un disegno DXF in HVE ( o HVE-2D) può essere necessario girare il sistema di coordinate sull'asse X, in modo che si cambi la direzione dell'asse Z. Il pulsante Flip About X-axis serve appunto a ribaltare il verso delle quote altimetriche per correggere l'orientamento dei disegni DXF importati.

      2. Se il disegno non è stato disegnato nella stessa unità di misura usata in HVE (o HVE-2D), la funzione Scale Factor riporta le misure nell'unità scelta nell'ambiente di simulazione. Ad esempio, se il disegno è stato fatto con unità feet e in HVE si usano le inches, allora bisogna porre come fattore Scale Factor il numero 12 per convertire da feet ad inches.

    Se dopo aver seguito tutte queste raccomandazioni restano ancora delle difficoltà, Vi preghiamo di contattarci per verificare il problema fornendoci il Vostro disegno preferibilmente in formato AutoCAD R12 DXF. Contattate la Lista Studio srl per supporto.

    E' disponibile una versione demo ?

    Si. Con la versione demo è possibile esplorare le capacità di simulazione 3D con i vari modelli di collisione e gestione dinamica del veicolo a fronte di un impegno economico del tutto simbolico e comunque stornato in caso di conferma d'acquisto della versione completa.
    Il CD dimostrativo consente di usare completamente HVE per 30 giorni, senza obbligo di acquisto futuro, con la possibilità quindi di salvare i propri lavori.
    Per maggiori dettagli scrivete i dati del Vostro studio con indirizzo, telefono ed e-mail e aggiungete una breve presentazione della Vostra attività al link seguente: Informazioni sul CD Demo di HVE
    L'offerta è riservata ai professionisti del settore in grado di documentare la loro attività nella ricostruzione dei sinistri stradali.

    Torna alle Domande

    Come posso cambiare il colore di sfondo del mio disegno DXF dal blu and un altro colore che renda meglio lo scenario stradale ?

    Se avete eseguito un disegno solo con linee e senza definizione di alcuna superficie, allora il colore blu di sfondo che vedete in HVE (o HVE-2D) è il colore del cielo, dal momento che tra le linee non è creata alcuna superficie. Bisognerebbe quindi creare le superfici di tutti gli elementi dello scenario ed attribuire loro colori o textures tramite l'editor 3D di HVE. Oppure, nelle vie brevi, si può settare il colore del cielo ad una tonalità grigia,simile a quella dell'asfalto della strada. Questo può essere fatto in ambiente Environment tramite la finestra Environment Information premendo il pulsante Sky Attributes, cliccando poi in Set Sky Color, e scegliendo il colore usando la ruota colorata. Per avere subito una tonalità di grigio cliccate al centro della ruota e mettete il cursore dell'intensità a 0.5.

    Torna alle Domande

    Quando avvio HVE o HVE-2D, appare un messaggio che indica che il file di licenza non è disponibile e viene attivata quindi la modalità Demo. Eppure sono sicuro di avere il file di licenza al posto giusto. Perchè si ottiene questo messaggio ?

    Quando il software viene avviato, il gestore della licenza controlla se è disponibile ed aggiornato il file di licenza, in caso contrario avvisando l'utente. Se appare tale messaggio nonostante riteniate che la vostra licenza sia valida procedete come segue:

      1. La versione del software HVE (e HVE-2D) e la versione del file di licenza debbono corrispondere completamente. Nel caso abbiate aggiornato il software dovete quindi anche aver installato un nuovo file di licenza corripondente alla nuova versione ricevuta.

      2. La vostra copia di HVE (o HVE-2D) è bloccata a funzionare su un solo computer o è del tipo trasferibile tramite chiavetta hardware? In quest'ultimo caso, oltre al file di licenza Vi serve anche una chiavetta hardware EDKEY collegata al computer sulla porta parallela o sulla porta USB. Può sembrare una inutile ripetizione, ma una delle chiamate tipiche al supporto tecnico è proprio quella dell'utente che non riesce ad avviare il software solo perchè si è dimenticato di inserire la chiavetta EDKEY !

      3. Se avete una chiavetta EDKEY su porta parallela in cascata con altre chiavette di altri software (come AutoCAD, 3D Studio, ecc.), provate temporaneamente a rimuovere le atre chiavi e a lasciare collegata solo la chiave EDKEY.

      4. Cliccate poi su Start (o Avvio), Programmi, HVE-2D (o HVE). Oltre all'icona di avviamento del software HVE (o HVE-2D) vedete che è disponibile anche l'icona del programma Show Computer ID che dovete lanciare. Appare una finestra che riporta due codici, nella prima linea "Locking Code 1" basato sul numero di serie del disco rigido d'avvio, e nella seconda linea "Locking Code 2" basato invece sulla chiave EDKEY collegata al computer. Se avete una chiave EDKEY collegata, il secondo numero, Locking Code 2, deve essere del tipo 80-xxxxx (chiaramente al posto delle X ci saranno varie cifre). Se potete leggere questo numero ma HVE (o HVE-2D) non si avvia, passate al punto 6 successivo.

      5. Se vedete come Locking Code 2 la stringa 0 - 0, allora la chiavetta EDKEY non è letta opppure è assente. Verificata la presenza della chiavetta, controlliamo se i drivers relativi sono aggiornati:

        A. Andate in C:\Programmi\File comuni\SafeNet Sentinel\Sentinel System Driver e lanciate il file SetupSysDriver.exe

        B. Nella finestra di dialogo che appare verificate in fondo dove è scritto Installed Driver Version che sia almeno la versione 7.5 per Windows ( o superiore). Se risulta tale versione (o superiore), procedete con il passo 6 successivo, altrimenti se il driver non risulta caricato vi suggeriamo di rifare l'installazione non prima di aver disinstallato il Sentinel System Driver da Aggiungi/Rimuovi applicazioni in Pannello di Controllo. Procedete quindi a reinstallarlo vuoi tramite la reinstallazione di HVE (o HVE-2D), vuoi semplicemente riapplicando l'installazione del solo Sentinel Protection Installer che trovate in www.safenet-inc.com. Rilanciate poi il programma SetupSysDriver.exe e verificate se il driver viene caricato.

      6. Se leggete alla riga Locking Code 2 una stringa tipo 80-xxxxx, verificate che tale stringa sia esattamente quella riportata nel Vostro file di licenza. Andate nella directory di installazione di HVE (o HVE-2D) e trovate il file lservrc. Apritelo usando WordPad oppure Blocco Note (entrambi in Accessori). Trovate le linee in testa al file che indicano il Vostro User-ID number, Company Name, e a seguire il codice della chiave. La stringa 0x-xxxxx code nel file di licenza deve corrispondere alla stringa 80-xxxxx prima letta ( cioè debbono corrispondere le cifre segnate come X).

    Se ancora non riuscite ad avviare HVE (o HVE-2D) chiamate la Lista Studio srl per supporto.

    Torna alle Domande

    Sto usando HVE (oppure HVE-2D) versione 5.20 (o precedente) per creare una simulazione di sinistro che vede coinvolto un veicolo che traina un rimorchio. Mi appare un messaggio di errore che riferisce come le altezze dei due veicoli non siano compatibili e quindi il rimorchio ed il veicolo che lo traina non possono essere agganciati. Come ne vengo a capo ?

    Nelle versioni precedenti alla 6, sia HVE che HVE-2D richiedevano nel modulo EDSMAC4 che gli attacchi reciproci tra veicolo trainante e rimorchio fossero allineati in altezza in modo da non distare più di 25,4 mm. A partire dalla versione 6 è disponibile una funzione di aggancio automatico, AutoConnect, attivabile nelle opzioni di calcolo, che aggiusta automaticamente le quote degli agganci. Se invece state usando una versione precedenti di HVE (o HVE-2D) e non avete disponibile questo comando dovete procedere come segue:

      1. Visualizzate il veicolo trainante nel Vehicle Editor. Cliccate nel CG (Centro di Gravità) e selezionate Move CG nel menù a pop-up. Annotatevi l'altezza del CG visualizzata in fondo alla finestra di dialogo del CG. Chiudete la finestra di dialogo.

      2. Cliccate ancora nel CG del veicolo trainante e selezionate Connections. Annotatevi la coordinata z della connessione di traino posteriore. Ricordate, una coordinata z negativa per la connessione di traino posiziona il gancio sopra il CG del veicolo per via del sistema di coordinate SAE.

      3. Sottraete il numero appena trovato, cioè la coordinata z del gancio di traino, dalla coordinata del CG prima determinata. Attenzione, sottrarre un numero negativo significa sommare un numero positivo. Il valore così determinato è la quota relativa della connessione di traino rispetto a terra per il veicolo trainante.

      4. Ripetete i tre passi precedenti per determinare la connessione di traino rispetto a terra per il rimorchio.

      5. Editate la coordinata Z di uno o entrambi i veicoli per portali entro la richiesta differenza di quota reciproca di 25,4 mm.

      6. Ripetete il procedimento per ogni coppia di veicoli connessi. Siete ora in grado di creare e lanciare la simulazione con EDSMAC4 con i veicoli correttamente collegati.

    Torna alle Domande

    Se edito le dimensioni esterne di un veicolo dal database EDVDB non vedo che in proporzione si adatta automaticamente anche la posizione delle sfere rosse di riferimento per l'ingombro massimo del veicolo. Perchè ?

    La geometria esterna di un veicolo tratto dal database EDVDB non è una elaborazione grafica verosimile fatta da un disegnatore, ma bensì l'esatto modello tridimensionale del veicolo eseguito da EDC con uno scanner 3D su un veicolo reale.
    Pertanto, la geometria di tale veicolo per restare vera non deve essere ridimensionabile quando editata con il Vehicle Editor, potendosi solo cambiare il colore della carrozzeria.
    Quindi, quando si editano le dimensioni esterne di un veicolo cliccando sulle sfere rosse di massimo ingombro e cambiandone i valori, di fatto si stanno cambiando solo le dimensioni di ingombro riportate nella scheda tecnica del veicolo, ma non si sta editando la mesh che definisce la carrozzeria del veicolo stesso.
    Al contrario, se si editano le dimensioni esterne di un veicolo generico si nota come la geometria si scali di conseguenza perchè tale veicolo non è stato rilevato dal vero, ma è disegnato in HVE come insieme di superfici (appunto, la carrozzeria) adattabili alle dimensioni desiderate dell'utente.

    Torna alle Domande

    Ho realizzato una simulazione con vari veicoli coinvolti in tamponamenti a catena. Ora voglio aggiungere un'altro veicolo alla simulazione in ambiente EDSMAC4. È possibile ?

    No direttamente, ma ci sono due alternative. Quando è stato creato il primo evento si sono definiti tutti gli oggetti della simulazione che non possono più essere rimossi o aggiunti se non rilanciando la simulazione. Restano quindi due alternative: la prima, modificare il settaggio iniziale (aggiungendo il veicolo, ad esempio) e rilanciando la simulazione; la seconda, aggiungendo un nuovo evento con solo il veicolo in questione e combinando insieme le sequenze di Traj Sim nella finestra di Playback.

    Torna alle Domande

    Le versioni meno recenti della documentazione tecnica di HVE evidenziavano come usando EDSMAC bisognasse iniziare sempre con il veicolo più piccolo. Questa raccomandazione è ancora valida per le più recenti versioni di EDSMAC e di EDSMAC4?

    La risposta è affermativa.
    Quando il motore di collisione viene inizializzato, un sistema di coordinate temporanee viene definito sul primo veicolo orientato verso il secondo.
    Questo orientamento cerca di cogliere l'ampiezza del possibile danno totale sul primo veicolo, e quindi definisce indirettamente il numero totale dei vettori di collisione RHO. Chiaramente, maggiore il numero di questi vettori RHO, migliore la risoluzione dell'algoritmo che gestisce la collisione, dal momento che questi vettori consentono il calcolo delle forze e dei momenti e quindi il profilo dell'urto.
    L'effetto è meno evidente quando i veicoli che partecipano all'urto sono di dimensioni simili, ma diviene via via più marcato non appena le dimensioni dei veicoli si differenziano.
    Caso limite è l'impatto tra una vettura ed il tronco di un albero: il tronco, in quanto di dimensioni inferiori rispetto al veicolo, deve essere scelto per primo.
    Purtropppo, in caso di collisioni tra più veicoli non sempre è possibile scegliere l'ordine indicato.

    Torna alle Domande

    Quando uso il comando Path Follower, il mio veicolo non insegue la traiettoria desiderata. Perchè ?

    Nel software HVE il comando Path Follower consente all'utente di specificare un percorso da seguire e calcola come governare i comandi di guida per approssimare quanto più possibile il percorso desiderato, ovviamente rispettando le leggi della fisica. Chiaramente non sempre è possibile seguire il percorso desiderato, vuoi perchè la tenuta dei pneumatici ed il comportamento delle sospensioni non lo consentono, vuoi per il dimensionamento dei freni e del motore, e così via. Ma può succedere che il percorso da seguire non venga rispettato anche perchè il software non ha la possibilità di calcolarlo.
    Il motore di calcolo del Path Follower, infatti, usa il parametro Driver Preview Time (in Driver Controls, Path Follower, Driver Data) per specificare quanto avanti, in termini di tempo, il pilota virtuale sta guardando il percorso, Tale parametro può essere modificato a piacere ed il valore di default è pari ad 1 secondo.

    Immaginiamo ora di guidare a 90 km/h. Quanta strada percorriamo in 1 secondo? 25 metri. Pertanto, ad ogni passo di calcolo (settato come detto ad 1 secondo) il Path Follower non può che ignorare tutto quello che si trova davanti a meno di 25 metri. Quindi, se vogliamo che il nostro veicolo viaggi secondo una traiettoria circolare è più comodo iniziare secondo una tangente a tale traiettoria circolare ponendo il veicolo a circa 25 metri, in modo che il Path Follower abbia possibilità di vedere la curva.

    Torna alle Domande

    Relativamente all'uso di EDCRASH, qual è la differenza tra il valore Delta-V mostrato nella finestra Event Editor Damage Profilesed il valore mostrato nel report di Accident History ?

    Il valore Delta-V mostrato nella finestra Damage Profiles corrisponde a quel valore di Delta-V che avrebbe causato l'intero danno al veicolo se questo avesse urtato una barriera fissa. Dal momento che la barriera avrebbe completamente arrestato il veicolo, ciò equivale anche alla cosiddetta velocità equivalente di barriera fissa, ovvero energia equivalente all'urto fisso.

    Viceversa, il valore Delta-V mostrato nella finestra Accident History corrisponde al valore calcolato da EDCRASH per la collisione reciproca tra veicoli. Questo calcolo si basa o sul bilancio lineare dei momenti o sui dati relativi ai danni subiti, a seconda di come sia stata simulata la collisione. Dal momento che il veicolo tamponato non può essere rigidamente fisso come una barriera, quet'ultimo valore di Delta-V sarà sempre minore di quello prima calcolato nel caso dell'urto contro la barriera fissa.

    Torna alle Domande

    Come mai quando tento di simulare un ribaltamento di un veicolo in EDVSM, la carrozzeria del veicolo compenetra nelle superfici che definiscono l'ambiente della simulazione come se questo non esistesse ?

    È un inconveniente tipico al primo utilizzo di EDVSM per la simulazione del ribaltamento. Per abilitare il controllo di collisione tra la carrozzeria del veicolo e l'ambiente circostante, bisogna attivare in EDVSM il comando "Vehicle Body vs. Environment Contact" reperibile in Options, Calculation Options. Bisogna mettere il segno di spunta a fianco di Vehicle Body vs. Environment Contact.

    Torna alle Domande

    Perchè ottengo un messaggio di errore con la richiesta di assegnare i PDOFs in EDCRASH, quando li ho già assegnati nella finestra di Damage Profiles ?

    Probabilmente mentre sono stati caricati i danni patiti dai veicoli per l'evento in questione, è stato attivato il computo secondo la terza legge di Newton su entrambi i veicoli. Ma se si clicca sulla casella che abilita tale computo si forza EDCRASH a calcolare i PDOF per il veicolo selezionato sulla base degli angoli di impatto reciproco ed i PDOF dell'altro veicolo. Questo metodo consente di assegnare facilmente i PDOF per un veicolo lasciando al software il computo per quelli dell'altro. E allora non si possono spuntare le caselle che abilitano il computo secondo la terza legge di Newton per entrambi i veicoli!

    Torna alle Domande

    Come si imputa la posizione di un veicolo immobile in una simulazione con EDSMAC o EDSMAC4 senza avere il messaggio di errore "Event Termination: No Vehicle Velocities Assigned," quando si lancia la soluzione ?

    La chiave per capire il senso del messaggio di errore è fare proprio quanto viene richiesto. Basta assegnare al veicolo velocità nulla. Non basta lasciare vuoto il campo di velocità anche se apparentemente il valore indicato è nullo: bisogna scriverlo espressamente digitando 0. Poi basta riavviare la simulazione e ovviamente il veicolo rimarrà in sosta.

    Torna alle Domande

    Uso una licenza di HVE (oppure di HVE-2D) con sistema operativo Windows XP e licenza su chiave EDKEY trasportabile su diversi computers (LPT o USB). Ho aggiornato il sistema operativo a Windows Vista sullo stesso computer e ora se lancio HVE (oppure HVE-2D) mi appare un messaggio di errore relativo alla mia licenza che mi qualifica solo in modalità Demo. Eppure tutto funzionava regolarmente prima di passare a Vista. Cosa è successo ?

    HVE (o HVE-2D) non è probabilmente l'unico programma a presentare problemi se avete fatto l'upgrade del sistema operativo da Windows XP a Vista senza reinstallare anche il nostro software di simulazione.
    Comunque, se ne viene a capo anche senza reinstallare HVE (o HVE-2D): basta assicurarsi di aver disinstallato il Sentinel System Driver (da Aggiungi/Rimuovi applicazioni in Pannello di Controllo) e quindi reinstallare il driver della chiave hardware dal CD-Rom di HVE oppure lanciando il solo Sentinel Protection Installer che trovate in www.safenet-inc.com.

    Torna alle Domande

    Posso produrre un filmato QuickTime direttamente dalla finestra di Playback ?

    Non direttamente. La finestra di Playback produce un filmato AVI. Se serve un formato QuickTime, mpeg o diverso, bisogna convertire il filmato AVI nel formato desiderato con programmi di editing come Adobe Premier o altri.

    Torna alle Domande

    Ho prodotto una simulazione che dura 16 secondi, ma desidero realizzare il filmato solo per una frazione di questa simulazione, per esempio nell'intervallo compreso fra t = 5,0 secondi e t = 13,6 secondi. Se muovo il cursore per selezionare come istante di partenza t = 5 secondi, mettendo ovviamente AVI come Destination e premendo il pulsante Play per produrre il filmato, purtroppo la registrazione del filmato parte comunque dall'istante t = 0 secondi al posto di t = 5 secondi. Debbo per forza usare un programma di editing dei filmati esterno ad HVE per tagliare le parti che non mi servono del filmato o posso risolvere il problema già in HVE ?

    Si può realizzare quanto chiesto nella finestra di Playback. Bisogna riprodurre la sequenza dall'inizio e fermarsi al punto in cui si desidera inizi la registrazione. Non bisogna usare il cursore per cercare l'istante iniziale ma lasciare riprodurre la sequenza fino al punto desiderato e premere il pulsante Pause. Si cambi poi il settaggio di rendering se necessario. Si cambi la Destinazione ad AVI e si prema il pulsante Play. Il filmato inizierà a registrarsi proprio dal fotogramma voluto. Raggiunto il punto di arresto desiderato, si prema il pulsante Pause e si rimetta la Destinazione a Playback Window. Se ora visionate il filmato prodotto vedete che è stato prodotto proprio tar gli intervalli desiderati.

    Torna alle Domande

    Ho realizzato con HVE un filmato di 16 secondi. Ho salvato il filmato in un CD (o in un DVD) per essere visionato da terzi. Purtroppo quando si lancia il filmato direttamente dal disco ottico i movimenti delle auto appaiono procedere a scatti e per giunta il fimato non è più in tempo reale. Cosa è accaduto ?

    Il filmato di 15 secondi, pur così corto, potrebbe mettere in crisi i lettori ottici più datati. Se si tenta di leggere il filmato direttamente dal CD si potrebbe avere un collo di bottiglia nel flusso di dati, causando una proiezione rallentata o frammentata del filmato. Una soluzione temporanea è possibile copiando il filmato dal CD al disco rigido, in modo da visionare poi il filmato leggendolo dal disco rigido anzichè dal CD. Il flusso dei dati sarà più elevato e la proiezione più fluida.

    Torna alle Domande

    Ho realizzato con HVE un filmato e desidero visualizzarlo a pieno schermo. Ma se chiamo la visualizzazione del filmato a pieno schermo ottengo un risultato molto grossolano e per niente fluido. Se controllo le proprietà del filmato vedo che è stato prodotto con la risoluzione di 640 x 480 mentre il mio schermo è settato a 1280 x 1024. Come posso produrre in HVE filmati a risoluzione così elevata ?

    Al momento non è possibile risolvere il problema solo con HVE (o HVE-2D), bisogna servirsi di un programma esterno di screen capture (quale ad esempio Camtasia Studio) in grado di registrare filmati con qualsiasi risoluzione video utilizzata per lavorare con HVE.
    In questo modo è possibile registrare filmati con la stessa risoluzione utilizzata di fatto per la simulazione a video con HVE.
    Viceversa, chiedendo direttamente ad HVE la produzione del filmato si è costretti ad accettare una sola risoluzione , fissata in 640 x 480, ideale per la produzione secondo lo standard NTSC e PAL. Dal momento che la maggior parte delle simulazioni erano fatte in origine per essere trasferite su videocassette o comunque riprodotte su schermi televisivi, il formato predetto sembrava l'ideale. Con il successivo sviluppo dei lettori DVD e dei filmati in alta risoluzione, la richiesta di risoluzioni maggiori a 640 x 480 è cresciuta. Se si dispone solo del filmato e non si può rilanciare la simulazione in HVE per registrarla a più elevata risoluzione con un programma esterno di screen capture; bisogna allora modificare il filmato con un programma aggiuntivo come Adobe Premier per convertirlo in altri formati e risoluzioni accettando però un compromesso con la qualità.

    Torna alle Domande

    Ho installato la versione 7.00, e quando apro un caso risolto con una versione precedente di HVE o HVE-2D e vado a consultare la finestra di Accident History nel Playback, le unità di misura indicate in testa ad ogni colonna ed i valori misurati nelle colonne stesse non sono più quelli corretti. Cosa è successo e come correggere il problema?

    Il problema è causato dall'aggiunta di nuovi parametri al file delle unità di misura usato dalla versione 7 di HVE e HVE-2D. I risultati del caso salvato dalla versione precedente del software non sono affatto corrotti o persi, solamente non vengono più visualizzati correttamente. Il problema si pone per i dati presenti nella finestra Key Results ma anche in altri reports. Correggere questo problema è molto semplice. Basta andare in modalità Event Mode e rilanciare l'evento. I risultati verranno subito ripresentati in maniera corretta come nell'esempio qui sotto.

    Accident History Report - Risultati trovati con una simulazione eseguita con versione precedente alla 6 e letti con versione 7 di HVE o HVE-2D

    Accident History Report - Risultati trovati con una simulazione eseguita con versione precedente alla 6 e letti con versione 7 di HVE o HVE-2D

    Accident History Report - Correzione automatica dopo aver rilanciato la stessa simulazione con la versione 7 di HVE o HVE-2D

    Accident History Report - Correzione automatica dopo aver rilanciato la stessa simulazione con la versione 7 di HVE o HVE-2D

    Torna alle Domande

    Ho installato l'aggiornamento alla versione 7.00 e quando lancio il programma ottengo un messaggio di errore: "Application is Node Locked". Eppure la mia precedente versione 6.20 dello stesso software funzionava correttamente. Cosa è successo e come risolvere il problema?

    Dovete usare un file di licenza di versione corrispondente a quello del software che volete lanciare. Se non avete installato un file di licenza aggiornato, allora state tentando di lanciare la nuova versione del software servendovi dell'autorizzazione nel vecchio file di licenza. Ottenete quindi un messaggio di errore "Application is Node Locked", che significa che manca il file di licenza adatto ed il programma sarà limitato alla modalità Demo.
    Vi siete ricordati di installare il nuovo file di licenza?

    Torna alle Domande

    Debbo realizzare una simulazione di un sinistro con un veicolo industriale ad asse posteriore sterzante. Come posso cambiare le caratteristiche del veicolo per inserire l'asse posteriore sterzante ?

    Per cambiare l'asse sterzante da anteriore a posteriore seguite questi cinque passi:
    1. Visualizzate il veicolo nel Vehicle Editor e cliccate nell'icona verde dello sterzo e piantone all'interno del veicolo dalla parte del guidatore. Appare una finestra di dialogo la cui prima voce, Steering Data for consente di selezionare l'asse a cui applicare le proprietà di sterzatura, proponendo di default Axle 1 .
    2. Togliere le proprietà di sterzatura al primo asse anteriore eliminando il segno di spunta sulla casella Steerable Axle. Si noti che tutte le successive proprietà di sterzatura per l'asse anteriore vengono disabilitate (appaiono annebbiate).
    3. Selezionate ora Axle 2 e spuntate la casella Steerable Axle per indicare che l'asse posteriore diventa sterzante. Si noti che si abilita il campo Steering Gear Ratio. È obbligatorio imputare il rapporto di sterzatura, steering gear ratio, e non lasciarlo pari a 0.00 che genera altrimenti una condizione di errore. Per semplicità assicuratevi di selezionare il tipo di sospensione ad assale rigido anzichè a ruote indipendenti.
    4. Cliccate in OK e accettate il cambiamento dell'asse sterzante da anteriore a posteriore.
    5. Completate e lanciate la simulazione. Notate come all'inserimento dei controlli di guida per lo sterzo il software vi dichiari che l'asse sterzante è diventato quello posteriore anzichè essere rimasto quello anteriore.

    Torna alle Domande

    Come posso far iniziare una simulazione con un veicolo in retromarcia ?

    La velocità di un veicolo nel campo Total Velocity è il valore assoluto della velocità e pertanto non è possibile inserire qui, come sembrerebbe spontaneo, un valore negativo. La componente u della velocità è quella in direzione di marcia del veicolo: quindi, se si imputa il valore -180 per lo scorrimento Sideslip si ottiene un valore negativo per il campo u della velocità e allora il valore imputato nel campo Total Velocity sarà il valore assoluto della velocità in retromarcia.

    Torna alle Domande

    Debbo accelerare un veicolo in retromarcia in EDSMAC (o in EDSMAC4, EDSVS oppure in EDVTS). Riesco a partire con il veicolo ad una certa velocità in retromarcia, ma quando intervengo con input all'acceleratore il veicolo cambia direzione ed acquista velocità nella normale direzione di marcia, non all'indietro come desiderato. Cosa debbo fare ?

    Nei programmi EDSVS, EDVTS, EDSMAC ed EDSMAC4, la regolazione dell'acceleratore si intende per l'avanzamento del veicolo nel senso di marcia.
    L'accelerazione in avanti sovrasta quindi la velocità all'indietro ed il veicolo inverte il moto.
    Bisogna allora risolvere il problema come indicato nella risposta alla domanda Come posso far iniziare una simulazione con un veicolo in retromarcia?.
    Nei programmi EDVSM, EDVDS e SIMON l'utente può selezionare la trasmissione con cambio manuale o automatico ed in entrambi i casi inserire la retromarcia, cosicchè qualsiasi intervento sull'acceleratore ha come conseguenza un'accelerazione nel verso desiderato senza ulteriori interventi.

    Torna alle Domande

    Come si installa HVE o HVE-2D nel computer ?

    Le istruzioni di installazione sono incluse nei manuali stampati che avete ricevuto insieme con il software.
    Se le avete smarrite potete scaricare un'altra copia cliccando in Istruzioni di installazione.
    I due passi più importanti dell'installazione sono:
    1) Accertatevi di NON inserire la chiavetta EDKEY prima di effettuare l'installazione
    2) Ricordate che DOVETE selezionare un file di licenza che corrisponda alla versione del software che avete acquistato o aggiornato (il file di licenza è nel CD-Rom del software oppure Vi è stato trasmesso per e-mail).
    Il software HVE (o HVE-2D) è protetto per un anno con supporto e aggiornamenti tecnici gratuiti.

    Torna alle Domande




    TORNA ALLA HOME PAGE


    Engineering Dynamics Corporation, USA
    Distributore e Agenzia per l'Italia: Lista Studio srl®
    URL : http://www.lista.it
    riproduzione consentita a patto di citare la fonte Lista Studio

  •